Recensione Two Worlds II

Posted: May 4, 2011 in Videogiochi

Two Worlds II è stata una vera sorpresa.Preso per via di alcuni commenti positivi di un mio conoscente si è rivelato una deliziosa chicca.

E’ principalmente un GDR su modello OBLIVION,con vaste possibilità per quanto riguarda la personalizzazione del personaggio,combattimenti in tempo reale e immense lande da esplorare,mentre si affetta ciò che ci infastidisce.

La storia non è banale ma neppure originale,scorrevole e si lascia narrare senza essere troppo invadente:dovete salvare vostra sorella,nel cui corpo risiede un’antico dio,da un’imperatore che vi ha tenuti rinchiusi per anni.

Va bene.

Decisamente positivo il modello di combattimento,semplice ma appassionante:a un tasto è legato l’attacco,all’altro il blocco,e a seconda che si blocchi o no ad altri tasti sono assegnati vari attacchi speciali,diversi per ciascun tipo d’arma.E quanti tipi d’armi!Spada e scudo,pugnali,lance,asce,mazze da guerra,katana,archi,flamberghe,spadoni e molte altre,con la possibilità di impugnarne una per mano,e ciascuna caratterizzata al meglio.

Le missioni non sono lunghissime ma nemmeno mordi e fuggi,decisamente stimolanti e non ripetitive,nelle quali dovrete trovare tesori antichi,salvare ostaggi,gareggiare a cavallo,combattere in un’arena,sterminare mostri, proteggere innocenti e altro.

Graficamente,se vi importa di piccolezze come frame rate aliasing,sappiate che si difende molto bene,garantendo visioni paesaggistiche eccellenti e con una direzione artistica,soprattutto per quanto riguarda i mostri,superba;la colonna sonora è epica e altisonante,ma un pò sciatta per i miei gusti.

Ok,andiamo ai difetti:bug a iosa,pop-up e freeze a grandine,animazioni bloccate e quant’altro,decisamente frustrante; inoltre spesso la difficoltà compie dei balzi in più o in meno rispetto al giusto,anche questo parecchio seccante.

Peccato,senza queste pecche avrebbe meritato di più,invece…

VOTO:GRAN BEL GIOCO

Molti si chiedono quale sia il più grande eroe di tutti i tempi(ovvio,Vash The Stampede-Ma cosa dici?!SNAKE!-non sono d’accordo,io dico Edmond Dantes-ma non è un eroe!-Ma è un figo.)

Comunque,io invece vi chiedo qual è il “cattivo,il bastardone di turno,quello che manipola e subdolamente gioca con le vite altrui?Io propongo per l’Oscar

DIO BRANDO

SEPHIROTH

IL CONTE DEL MILLENIO

CERSEI LANNISTER

E secondo voi?

Recensione Red Dead Redemption

Posted: April 30, 2011 in Videogiochi

Sono certo che esistano alcune regole nei videogiochi:non si può apprezzare al massimo Dragon Age:Origins se non si ha letto almeno qualche volume de “Le  cronache del Ghiaccio e del Fuoco ” di George R.R. Martin,o Deus Ex senza la conoscenza di Blade Runner,o Dead Space senza Alien(e/o Aliens,ma meno).

Giocare a RDR senza aver mai visto qualche spaghetto western è come guardare la luna piena in una ventosa  notte d’estate ma semicoperta da nuvole:meraviglioso,ma incompleto.

Cactus,sabbia e coyote si contrappongono a fumosi saloon e polverosi ranch,tutti però sotto lo stesso sole cocente;Ecco la vera anima di RDR,quella oltre le numerosissime e varie missioni a là Rockstar,peraltro migliorate da GTA grazie all’introduzione di utili checkpoint, oltre le molte armi dagli stili diversificati,dalle pistole ai fucili,dalle granate al lazo, essenziale per catturare i cavalli selvaggi;oltre i mille modi per occupare il tempo,come pocker e duelli;oltre la storia eccezionale e narrata in maniera ineccepibile;no,l’essenza di RDR è salire sul destriero e cavalcare verso il tramonto,con uno spolverino addosso e il vento fra i capelli,la pistola nel fodero e una rossa formazione rocciosa che sfuocata appare in lontananza.

Ha solo due difetti:molti bug stile Rockstar e il fatto che l’intelligenza artificiale delle cavalcature mi è sembrata totalmente idiota(sei in fondo a un dirupo,c’è un sentiero,chiami il cavallo:si butta giù e muore.IDIOTA!IL SENTIERO!).

Ma dannazione,nel Far West si è veri uomini,e i veri uomini non badano a queste bazzecole.

VOTO:CAPOLAVORO

Brividi poetici

Posted: April 30, 2011 in Letteratura

Vorrei proporvi la poesia “The Raven”,ossia il corvo,del mai troppo lodato Edgar Allan Poe,pubblicata nel 1845.

Once upon a midnight dreary, while I pondered weak and weary,
Over many a quaint and curious volume of forgotten lore,
While I nodded, nearly napping, suddenly there came a tapping,
As of some one gently rapping, rapping at my chamber door.
`’Tis some visitor,’ I muttered, `tapping at my chamber door –
Only this, and nothing more.’

Ah, distinctly I remember it was in the bleak December,
And each separate dying ember wrought its ghost upon the floor.
Eagerly I wished the morrow; – vainly I had sought to borrow
From my books surcease of sorrow – sorrow for the lost Lenore –
For the rare and radiant maiden whom the angels named Lenore –
Nameless here for evermore.

And the silken sad uncertain rustling of each purple curtain
Thrilled me – filled me with fantastic terrors never felt before;
So that now, to still the beating of my heart, I stood repeating
`’Tis some visitor entreating entrance at my chamber door –
Some late visitor entreating entrance at my chamber door; –
This it is, and nothing more,’

Presently my soul grew stronger; hesitating then no longer,
`Sir,’ said I, `or Madam, truly your forgiveness I implore;
But the fact is I was napping, and so gently you came rapping,
And so faintly you came tapping, tapping at my chamber door,
That I scarce was sure I heard you’ – here I opened wide the door; –
Darkness there, and nothing more.

Deep into that darkness peering, long I stood there wondering, fearing,
Doubting, dreaming dreams no mortal ever dared to dream before;
But the silence was unbroken, and the darkness gave no token,
And the only word there spoken was the whispered word, `Lenore!’
This I whispered, and an echo murmured back the word, `Lenore!’
Merely this and nothing more.

Back into the chamber turning, all my soul within me burning,
Soon again I heard a tapping somewhat louder than before.
`Surely,’ said I, `surely that is something at my window lattice;
Let me see then, what thereat is, and this mystery explore –
Let my heart be still a moment and this mystery explore; –
‘Tis the wind and nothing more!’

Open here I flung the shutter, when, with many a flirt and flutter,
In there stepped a stately raven of the saintly days of yore.
Not the least obeisance made he; not a minute stopped or stayed he;
But, with mien of lord or lady, perched above my chamber door –
Perched upon a bust of Pallas just above my chamber door –
Perched, and sat, and nothing more.

Then this ebony bird beguiling my sad fancy into smiling,
By the grave and stern decorum of the countenance it wore,
`Though thy crest be shorn and shaven, thou,’ I said, `art sure no craven.
Ghastly grim and ancient raven wandering from the nightly shore –
Tell me what thy lordly name is on the Night’s Plutonian shore!’
Quoth the raven, `Nevermore.’

Much I marvelled this ungainly fowl to hear discourse so plainly,
Though its answer little meaning – little relevancy bore;
For we cannot help agreeing that no living human being
Ever yet was blessed with seeing bird above his chamber door –
Bird or beast above the sculptured bust above his chamber door,
With such name as `Nevermore.’

But the raven, sitting lonely on the placid bust, spoke only,
That one word, as if his soul in that one word he did outpour.
Nothing further then he uttered – not a feather then he fluttered –
Till I scarcely more than muttered `Other friends have flown before –
On the morrow he will leave me, as my hopes have flown before.’
Then the bird said, `Nevermore.’

Startled at the stillness broken by reply so aptly spoken,
`Doubtless,’ said I, `what it utters is its only stock and store,
Caught from some unhappy master whom unmerciful disaster
Followed fast and followed faster till his songs one burden bore –
Till the dirges of his hope that melancholy burden bore
Of “Never-nevermore.”‘

But the raven still beguiling all my sad soul into smiling,
Straight I wheeled a cushioned seat in front of bird and bust and door;
Then, upon the velvet sinking, I betook myself to linking
Fancy unto fancy, thinking what this ominous bird of yore –
What this grim, ungainly, ghastly, gaunt, and ominous bird of yore
Meant in croaking `Nevermore.’

This I sat engaged in guessing, but no syllable expressing
To the fowl whose fiery eyes now burned into my bosom’s core;
This and more I sat divining, with my head at ease reclining
On the cushion’s velvet lining that the lamp-light gloated o’er,
But whose velvet violet lining with the lamp-light gloating o’er,
She shall press, ah, nevermore!

Then, methought, the air grew denser, perfumed from an unseen censer
Swung by Seraphim whose foot-falls tinkled on the tufted floor.
`Wretch,’ I cried, `thy God hath lent thee – by these angels he has sent thee
Respite – respite and nepenthe from thy memories of Lenore!
Quaff, oh quaff this kind nepenthe, and forget this lost Lenore!’
Quoth the raven, `Nevermore.’

`Prophet!’ said I, `thing of evil! – prophet still, if bird or devil! –
Whether tempter sent, or whether tempest tossed thee here ashore,
Desolate yet all undaunted, on this desert land enchanted –
On this home by horror haunted – tell me truly, I implore –
Is there – is there balm in Gilead? – tell me – tell me, I implore!’
Quoth the raven, `Nevermore.’

`Prophet!’ said I, `thing of evil! – prophet still, if bird or devil!
By that Heaven that bends above us – by that God we both adore –
Tell this soul with sorrow laden if, within the distant Aidenn,
It shall clasp a sainted maiden whom the angels named Lenore –
Clasp a rare and radiant maiden, whom the angels named Lenore?’
Quoth the raven, `Nevermore.’

`Be that word our sign of parting, bird or fiend!’ I shrieked upstarting –
`Get thee back into the tempest and the Night’s Plutonian shore!
Leave no black plume as a token of that lie thy soul hath spoken!
Leave my loneliness unbroken! – quit the bust above my door!
Take thy beak from out my heart, and take thy form from off my door!’
Quoth the raven, `Nevermore.’

And the raven, never flitting, still is sitting, still is sitting
On the pallid bust of Pallas just above my chamber door;
And his eyes have all the seeming of a demon’s that is dreaming,
And the lamp-light o’er him streaming throws his shadow on the floor;
And my soul from out that shadow that lies floating on the floor
Shall be lifted – nevermore!

Ossia:

Una volta in una fosca mezzanotte, mentre io meditavo, debole e stanco,
sopra alcuni bizzarri e strani volumi d’una scienza dimenticata;
mentre io chinavo la testa, quasi sonnecchiando – d’un tratto, sentii un colpo leggero,
come di qualcuno che leggermente picchiasse – pichiasse alla porta della mia camera.
— « È qualche visitatore – mormorai – che batte alla porta della mia camera » —
Questo soltanto, e nulla più.

Ah! distintamente ricordo; era nel fosco Dicembre,
e ciascun tizzo moribondo proiettava il suo fantasma sul pavimento.
Febbrilmente desideravo il mattino: invano avevo tentato di trarre
dai miei libri un sollievo al dolore – al dolore per la mia perduta Eleonora,
e che nessuno chiamerà in terra – mai più.

E il serico triste fruscio di ciascuna cortina purpurea,
facendomi trasalire – mi riempiva di tenori fantastici, mai provati prima,
sicchè, in quell’istante, per calmare i battiti del mio cuore, io andava ripetendo:
« È qualche visitatore, che chiede supplicando d’entrare, alla porta della mia stanza.
« Qualche tardivo visitatore, che supplica d’entrare alla porta della mia stanza;
è questo soltanto, e nulla più ».

Subitamente la mia anima divenne forte; e non esitando più a lungo:
« Signore – dissi – o Signora, veramente io imploro il vostro perdono;
« ma il fatto è che io sonnecchiavo: e voi picchiaste sì leggermente,
« e voi sì lievemente bussaste – bussaste alla porta della mia camera,
« che io ero poco sicuro d’avervi udito ». E a questo punto, aprii intieramente la porta.
Vi era solo la tenebra, e nulla più.

Scrutando in quella profonda oscurità, rimasi a lungo, stupito impaurito
sospettoso, sognando sogni, che nessun mortale mai ha osato sognare;
ma il silenzio rimase intatto, e l’oscurità non diede nessun segno di vita;
e l’unica parola detta colà fu la sussurrata parola «Eleonora!»
Soltanto questo, e nulla più.

Ritornando nella camera, con tutta la mia anima in fiamme;
ben presto udii di nuovo battere, un poco più forte di prima.
« Certamente – dissi – certamente è qualche cosa al graticcio della mia finestra ».
Io debbo vedere, perciò, cosa sia, e esplorare questo mistero.
È certo il vento, e nulla più.

Quindi io spalancai l’imposta; e con molta civetteria, agitando le ali,
si avanzò un maestoso corvo dei santi giorni d’altri tempi;
egli non fece la menoma riverenza; non esitò, nè ristette un istante
ma con aria di Lord o di Lady, si appollaiò sulla porta della mia camera,
s’appollaiò, e s’installò – e nulla più.

Allora, quest’uccello d’ebano, inducendo la mia triste fantasia a sorridere,
con la grave e severa dignità del suo aspetto:
« Sebbene il tuo ciuffo sia tagliato e raso – io dissi – tu non sei certo un vile,
« orrido, torvo e antico corvo errante lontanto dalle spiagge della Notte
« dimmi qual’è il tuo nome signorile sulle spiagge avernali della Notte! »
Disse il corvo: « Mai più ».

Mi meravigliai molto udendo parlare sì chiaramente questo sgraziato uccello,
sebbene la sua risposta fosse poco sensata – fosse poco a proposito;
poichè non possiamo fare a meno d’ammettere, che nessuna vivente creatura umana,
mai, finora, fu beata dalla visione d’un uccello sulla porta della sua camera,
con un nome siffatto: « Mai più ».
Ma il corvo, appollaiato solitario sul placido busto, profferì solamente
quest’unica parola, come se la sua anima in quest’unica parola avesse effusa.
Niente di nuovo egli pronunziò – nessuna penna egli agitò –
finchè in tono appena più forte di un murmure, io dissi: « Altri amici mi hanno già abbandonato,
domani anch’esso mi lascerà, come le mie speranze, che mi hanno già abbandonato ».
Allora, l’uccello disse: « Mai più ».

Trasalendo, perchè il silenzio veniva rotto da una risposta sì giusta:
« Senza dubbio – io dissi – ciò ch’egli pronunzia è tutto il suo sapere e la sua ricchezza,
« presi da qualche infelice padrone, che la spietata sciagura
« perseguì sempre più rapida, finchè le sue canzoni ebbero un solo ritornello,
« finchè i canti funebri della sua Speranza ebbero il malinconico ritornello:
« Mai, – mai più ».

Ma il corvo inducendo ancora tutta la mia triste anima al sorriso,
subito volsi una sedia con ricchi cuscini di fronte all’uccello, al busto e alla porta;
quindi, affondandomi nel velluto, mi misi a concatenare
fantasia a fantasia, pensando che cosa questo sinistro uccello d’altri tempi,
che cosa questo torvo sgraziato orrido scarno e sinistro uccello d’altri tempi
intendea significare gracchiando: « Mai più ».

Così sedevo, immerso a congetturare, senza rivolgere una sillaba
all’uccello, i cui occhi infuocati ardevano ora nell’intimo del mio petto;
io sedeva pronosticando su ciò e su altro ancora, con la testa reclinata adagio
sulla fodera di velluto del cuscino su cui la lampada guardava fissamente;
ma la cui fodera di velluto viola, che la lampada guarda fissamente
Ella non premerà, ah! – mai più!

Allora mi parve che l’aria si facesse più densa, profumata da un incensiere invisibile,
agiato da Serafini, i cui morbidi passi tintinnavano sul soffice pavimento,
– « Disgraziato! – esclamai – il tuo Dio per mezzo di questi angeli ti à inviato
« il sollievo – il sollievo e il nepente per le tue memorie di Eleonora!
« Tracanna, oh! tracanna questo dolce nepente, e dimentica la perduta Eleonora!
Disse il corvo: « Mai più ».

– « Profeta – io dissi – creatura del male! – certamente profeta, sii tu uccello o demonio! –
– « Sia che il tentatore l’abbia mandato, sia che la tempesta t’abbia gettato qui a riva,
« desolato, ma ancora indomito, su questa deserta terra incantata
« in questa visitata dall’orrore – dimmi, in verità, ti scongiuro –
« Vi è – vi è un balsamo in Galaad? dimmi, dimmi – ti scongiuro. –
Disse il corvo: « Mai più ».

– « Profeta! – io dissi – creatura del male! – Certamente profeta, sii tu uccello o demonio!
« Per questo Cielo che s’incurva su di noi – per questo Dio che tutti e due adoriamo –
« dì a quest’anima oppressa dal dolore, se, nel lontano Eden,
« essa abbraccerà una santa fanciulla, che gli angeli chiamano Eleonora,
« abbraccerà una rara e radiosa fanciulla che gli angeli chiamano Eleonora ».
Disse il corvo: « Mai più ».

– « Sia questa parola il nostro segno d’addio, uccello o demonio! » – io urlai, balzando in piedi.
« Ritorna nella tempesta e sulla riva avernale della notte!
« Non lasciare nessuna piuma nera come una traccia della menzogna che la tua anima ha profferita!
« Lascia inviolata la mia solitudine! Sgombra il busto sopra la mia porta!
Disse il corvo: « Mai più ».

E il corvo, non svolazzando mai, ancora si posa, ancora è posato
sul pallido busto di Pallade, sovra la porta della mia stanza,
e i suoi occhi sembrano quelli d’un demonio che sogna;
e la luce della lampada, raggiando su di lui, proietta la sua ombra sul pavimento,
e la mia, fuori di quest’ombra, che giace ondeggiando sul pavimento
non si solleverà mai più!

Non ho parole.La metrica,la musicalità,il terrore che inspira senza dire alcunché di sovrannaturale ma sfruttando le debolezze della mente umana(a mio avviso)…decisamente una delle mie POEsie preferite(AHAHAHAHAH!!!scusate,mi è balzata in mente d’istinto…)

Recensione Dragon Age:Origins

Posted: April 29, 2011 in Videogiochi

Chi ha mai giocato a D&D?Il famoso GDR che ha fondato tutta una categoria di giochi cartacei,unico in quanto permette una libertà di scelta non riscontrabile in nessun altro gioco.Ecco,Dragon Age:Origins è il videogioco che più mi ha ricordato D&D:meccaniche GDR in cui è possibile creare personaggi estremamente personalizzati,stili di gioco unici,trame e sottotrame che variano secondo il volere del giocatore,il tutto condito con uno stile grafico e artistico da bacio accademico.

Ma andiamo con ordine,in questo caso l’Ordine dei Custodi Grigi,un’antica fratellanza di guerrieri dediti alla protezione della nazione del Ferelden dalla Prole Oscura,orribili creature del sottosuolo la cui venuta preannuncia il Flagello,un avvenimento in cui un’antico Dio malvagio si risveglia. Sin dall’inizio vi viene concessa la possibilità di avere sei differenti origini:Umano nobile, Elfo silvano,Elfo di città,Nano nobile,Nano dei bassifondi o Mago.Come avrete intuito le razze sono tre,Umano ,Nano e Elfo,così come le classi,ossia guerriero,ladro  o mago,quest’ultima impossibile da assumere nel caso del Nano.Dopo gli avvenimenti che affronterete(e,fidatevi,sono tutti eccezionalmente interessantissimi)Duncan,un Custode Grigio,vi preleverà e vi inizierà alla confraternita.

Non proseguo perché sarebbe un vero peccato rovinare una trama così ben scritta e sceneggiata,che non vi annoierà mai nelle oltre 40 ore(subquest escluse);accenno solo al fatto che il Ferelden andrà incontro a una crudele guerra civile della quale voi sarete molla e risolutore. Per quanto riguarda il combattimento anche in questo campo Bioware si dimostra maestra nel suo campo,con differenti stili di armamento:Spadoni a due mani,lenti ma capaci di aprire in due un drago;un’arma per mano,per un’attacco poderoso ma veloce;spada e scudo,per una difesa e un attacco bilanciati;arco o balestra,per far fuori le minacce da lontano,e ovviamente i bastoni da mago,oltre a armature pesanti o semplici panni.A tutto ciò aggiungete numerosi attacchi speciali,un sistema di evoluzione della magia ottimo e tre specializzazioni disponibili per classe e vi ritroverete a sbavare dalle implicazioni tattiche;inoltre se non avete voglia di girare nei numerosi menu(numerosi sì,ma ben costruiti) le battaglie sono veloci e dinamiche,sebbene impegnative.

Ho apprezzato moltissimo la direzione artistica:i mostri sono spaventosi,le città danno la sensazione di povertà,le corti di opulenza,le grotte di cupa oppressione,le campagne di bucolica tranquillità,e il sangue scorre copioso bagnando i nostri eroi.

In somma,è inutile continuare,andate a comprarlo.

VOTO:CAPOLAVORO

Non posso che ricordare melanconicamente le recensioni del lontano 2008,quando i felici recensori gridavano inni di gioia all’uscita di MGS4.Inni spezzati dalle censure imposte da Capcom in merito alla trama e a particolari dettagli del gioco.Una tortura.

Con che letizia io vi potrei parlare di cyborg ninja,di virus mortali,di amori e morti,ma non lo farò.Perché è superfluo,è un’abbellimento alla sola star,Snake,Solid Snake,primo e ultimo attore di uno dei maggiori capolavori mai creati da mano umana.Snake,il soldato,il carnefice, ma anche vittima,;di un sistema globale soffocante e crudele,di una war economy fine a sé stessa.Snake,avatar straripante di sogni e speranze,forti ma avvizziti,come lui,forse come noi,noi tutti.

Iniziamo allora dai difetti,anzi,il difetto:dopo MGS4 tutto il resto perderà appeal.Come potrebbe reggere al confronto con delle meccaniche ludiche così delicate ma sicure della propria concettuale unicità nel mondo videoludico?O alla direzione artistica,mai così decisa e variegata,in cui Kojima ha riversato la sua visione del mondo con un’abilità eccezionale?O alla commovente ed epica colonna sonora,firmata  Harry Gregson-Williams ,indiscusso maestro polivalente?

Potrei firmare decine di pagine su MGS4,ma sarebbero incomplete,imperfette,non potrei trasmettervi ciò che desidererei passarvi…

forse è meglio finire in semplicità:

VOTO:PERFETTO

Le nuove regole in città

Posted: April 28, 2011 in Uncategorized

Ecco di seguito la scala dei voti:

-PERFETTO

-CAPOLAVORO

-IMPERDIBILE

-ECCEZIONALE

-GRAN BEL GIOCO

-BEL GIOCO

-BUON GIOCO

-PASSABILE

-APPENA DECENTE

-PURTROPPO NO

-DECISAMENTE NO

-NON CI SIAMO

-NON CI SIAMO PROPRIO

-ORRIBILE

-INGIOCABILE

-SUICIDIO RITUALE

-TORTURA SADOMASO

-COME NON FARE UN GIOCO

-E’ UN GIOCO QUESTO?

-BARZELLETTA

Il ritorno del Re

Posted: April 28, 2011 in altro

Sono di nuovo qui.

Darkknight00,il folle recensore di Power-up e videogamesegg,Colui che vi sollazza da innumerevoli anni,è tornato.

E nulla sarà più come prima.